Cerca e Prenota
Località
Inizio soggiorno
Notti
Adulti
Età bimbi (es 6,8)
Alloggio
Cerca
elenco completo alloggi »

Il lago rosso di Tovel

LA LEGGENDA DEL LAGO DI TOVEL

Fino agli anni ’60 la fama del lago di Tovel era legata, oltre alla sua splendida atmosfera romantica, al famoso fenomeno di arrossamento delle sue acque.
Per un certo periodo, ogni anno, le rive del lago si tingevano di un rosso acceso. Lo spettacolo era davvero suggestivo e non c’è da meravigliarsi se, intorno alle origini del fenomeno, nacquero, nel corso dei secoli, molte storie e leggende.
La più famosa di tutte è la leggenda della Regina Tresenga.  

La storia racconta di un tempo molto lontano quando Ragoli, oggi piccolo paese della Val Rendena, era una ricchissima cittadina, a capo di un grande regno.
Venne un giorno in cui l’ultimo re di Ragoli morì senza lasciare eredi maschi, ma solo una bellissima figlia dal nome Tresenga. L’ansia dei i cittadini del regno fu allora molto grande perché tutti sapevano bene che se la principessa si fosse sposata tutto il loro regno sarebbe divenuto proprietà di un sovrano straniero e ciò avrebbe comportato la perdita di ogni ricchezza per la cittadina di Ragoli. Tresenga tuttavia era una giovane molto intelligente che amava talmente il suo popolo da fare solenne giuramento di rinuncia ad un qualsiasi legame matrimoniale pur di salvare il proprio regno.
La bellezza e la ricchezza della giovane regina però erano ben conosciute da tutti i giovani cadetti dei territori confinanti che non intendevano perdere l’occasione di divenire sovrani di un regno così potente e, al tempo stesso, mariti della più bella principessa che si fosse mai vista.
Il pretendente più cocciuto e superbo si dimostrò essere il giovane e arrogante re di Tuenno, Lavinio. Costui tentò ben due volte di conquistare il cuore di Tresenga, prima esibendo tutto il suo potere con doni magnifici, e poi cercando di intenerire la principessa con un semplice mazzo di fiori. In entrambi i casi la risposta di Tresenga fu uno sdegnato rifiuto. La doppia offesa subita all’orgoglio del giovane re tramutò ben presto il suo amore in rabbia, tanto che Lavinio radunò tutto il suo esercito deciso a marciare su  Ragoli  e a raderla al suolo.
Tresenga, informata dai suoi messaggeri della marcia punitiva di Lavinio, interrogò i suoi sudditi chiedendo loro se preferissero vederla andare in sposa al re di Tuenno o combattere una battaglia che avrebbe potuto costare loro la vita. Il popolo di Ragoli non ebbe il minimo dubbio e subito si schierò al fianco della giovane regina, deciso a rischiare il tutto per tutto per la propria libertà.
I ragolesi marciarono fino alle sponde del lago di Tovel, e qui trovarono l’esercito di Lavinio accampato per la notte. Iniziò una sanguinosa battaglia che durò diversi giorni. L’esercito di Tuenno era troppo forte e preparato per soccombere di fronte al debole, seppur agguerrito popolo ragonese.
Ben presto tutti i cittadini di Ragoli furono uccisi barbaramente e, per ultima, anche la bella Tresenga perì sotto le armi, dopo aver combattuto tenacemente accanto al suo popolo. Il suo sangue e quello di tutti i suoi sudditi si riversò nelle acque del lago di Tovel e le colorò di un macabro color vermiglio.
Da quel triste giorno, una volta all’anno, in occasione dell’anniversario della truce battaglia, per incanto, le acque del lago cominciarono a ricolorarsi di rosso e c’è chi giura che, ancor oggi, nelle notti di luna piena, la triste figura della bella Tresenga, vaghi sospirando lungo le rive del lago.

Il vero motivo della colorazione delle acque di Tovel





 
Social Network
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ti piace? Dillo
con Facebook
Diffondi su
Twitter
Fai +1 con
Google Plus
loading
loading
loading
loading
loading