Cerca e Prenota
Località
Inizio soggiorno
Notti
Adulti
Età bimbi (es 6,8)
Alloggio
Cerca
elenco completo alloggi »

La dinastia Baschenis

I BASCHENIS DE AVERARIA   

Provenienti dalla Valle Averaria, nelle vicinanze di Bergamo, la famiglia Baschenis è ricordata come un’importante dinastia di pittori girovaghi molto produttivi che, sul finire del XV e per tutta la prima metà del XVI secolo, lavorò in tutta l’area del Trentino occidentale, compresa

Gli appartenenti a questa dinastia, almeno una decina secondo le testimonianze, erano soliti spostarsi e trascorrere molti mesi nelle diverse valli trentine, ospitati di volta in volta dalle diverse comunità presso cui operavano. Dipingevano soprattutto interni ed esterni di chiese e cappelle con temi cari all’iconografia del tempo: in primo luogo raffigurazioni di Padri della Chiesa, Evangelisti e scene tratte dal Nuovo Testamento.
L’arte dei Baschenis si inseriva perfettamente nella logica didattica della biblia pauperorum.
Gli ecclesiasti dell’epoca ritenevano infatti che il popolo analfabeta andasse educato principalmente attraverso immagini molto espressive che insegnassero i concetti fondamentali della religione cristiana.
L’opera più famosa dei Baschenis, la “Danza Macabra” dipinta da Simone nella chiesa di San Vigilio a Pinzolo nel 1539, si dimostra infatti molto più espressiva, attraverso le eloquenti immagini raffigurate, di qualsiasi passo della Bibbia letto ad alta voce.
Proprio nell’intento di essere più diretta possibile, la pittura dei Baschenis è stilisticamente molto semplice senza effetti prospettici e cromaticamente preferisce i colori accesi a sfumature ricercate.  

In Val di Non i Baschenis furono attivi soprattutto tra il 1465 e il 1504.
Potrete ammirare gli affreschi di questa famosa dinastia di pittori a:  

Corte Inferiore di Rumo, Chiesa di San Udalrico: all’interno ampio affresco dell’Ultima Cena, datata 1471, dei fratelli Antonio e Angelo Baschenis, assieme con i figli Giovanni e Battista.  
Flavon: Chiesa della Natività di S. Giovanni Battista, ciclo di affreschi lungo l’abside dedicati al santo realizzati dai fratelli Giovanni e Battista (1485).  
Segonzone: Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo
Cunevo: Chiesa di San Lorenzo affrescata da Giovanni Baschenis  
Castel Valer (Tassullo): cappella di San Valerio affrescata da Giovanni e Battista (1496)  
Denno: decorazioni della Chiesa di San Pietro di Giovanni Battista  
Cles: Chiesa di San Vigilio pitture murali di Giovanni e Battista di fine ‘400  
Terres: Chiesa di San Giorgio  
Dardine: Chiesa di San Marcello  
Tres: Chiesa di Santa Agnese  
Vervò: Chiesa di San Martino  
Pavillo: Chiesa di San Paolo  
Cavareno: Chiesa SS. Fabiano e Sebastiano