Logo Trentino

Dove fare il pieno dei colori dell'autunno in Val di Non

I posti più belli del Trentino da visitare in autunno: il lago di Tovel, le baite del passo Fresna, gli antichi frutteti del borgo di Seio.

In Val di Non l'autunno è una stagione speciale e movimentata. Comincia con la raccolta delle famose mele, prosegue con la vendemmia delle uve locali, come il Groppello, e termina con l'esplosione di colori che ci regalano i faggi nel fondo valle e i larici in quota.

Ci sono dei luoghi in particolare che con l'arrivo dell'autunno diventano ancora più affascinanti. In questo articolo vi spieghiamo quali sono i posti da non perdere in autunno e perchè. Troverete l'inconfondibile lago di Tovel ma anche altre chicche meno gettonate ma altrettanto spettacolari.

Il lago di Tovel

Non potevamo iniziare il nostro elenco senza menzionare il famoso lago di Tovel nel Parco Naturale Adamello Brenta. La superficie di questo lago è uno specchio liscissimo che in autunno amplifica l'effetto del cosiddetto "foliage". Il riflesso è talmente perfetto che crea un effetto ottico per cui il lago sembra il proseguimento del bosco stesso!

Lungo il sentiero che fa il giro del lago vi troverete per metà percorso alla luce del sole e per la restante metà all'ombra. In questo modo potrete ammirare il foliage da prospettive diverse e godervi l'effetto dei giochi di luce.

Il culmine dei colori a Tovel è verso la metà di ottobre. I primi alberi a cambiare colore sono i latifoglie che si trovano proprio a ridosso delle sponde del lago. Poi seguono i larici che si trovano un po' più in quota e che prima di perdere gli aghi passano dal giallo ocra all'arancione acceso. 

Un consiglio: in autunno il sole scende dietro le montagne relativamente presto. Quindi meglio arrivare al lago in tarda mattinata per godersi lo spettacolo!

Vi ricordiamo poi che nei fine settimana fino al 19 settembre e nelle eventuali giornate di grande affluenza la strada viene chiusa al traffico e troverete il bus navetta. 

Qui trovate nel dettaglio tutte le informazioni sui parcheggi di Tovel in autunno e gli orari della navetta. 


Il Passo Fresna e le sue baite

Questo è un posto che non molti conoscono ma che vi farà subito innamorare. Al passo Fresna troverete un'enorme distesa di prati curati che sono la casa di alcune vecchie baite e larici secolari. Qui il sole batte forte e accende i colori dei loro aghi. 

Se alzate lo sguardo noterete che tutto attorno è un grande girotondo di cime appuntite: sono le montagne del gruppo delle Maddalene che disegnano un lunghissimo zig zag nel cielo limpido autunnale.

La strada per arrivarci è una sterrata in salita ma alla portata di tutti. Si snoda nel bosco e mai immaginereste che il panorama si apra così all'improvviso una volta arrivati al passo. 

La strada prosegue poi piana oltre il passo e arriva ad un gruppo di case dallo stile particolare: è il paesino di Proveis e la sua architettura ci ricorda che ci troviamo in provincia di Bolzano.

Per raggiungere il passo Fresna dovete raggiungere in auto Rumo e poi salire in cima alla frazione di Lanza e parcheggiare poco oltre una grande stalla. Qui proseguite a piedi seguendo le indicazioni per il passo. La strada è moderatamente ripida ma breve.

Arrivati al passo potete proseguire a piedi e compiere un facile anello che vi porta al Bait del Crislòt: è una piccola baita appartenente ad un anziano del paese. Lui la lascia sempre aperta. E' un bellissimo gesto di fiducia verso il prossimo da ammirare e rispettare.

Qui trovate la descrizione del percorso ad anello di Passo Fresna


Le Regole di Malosco

In Val di Non sono molte le località che di nome fanno Regole. Si tratta di grandi prati più in quota rispetto ai paesi dove i nostri nonni in estate si occupavano della "monteson", ossia il lavoro di sfalcio dei prati per ricavarne fieno per il bestiame. 

Anche le Regole di Malosco si presentano come un'enorme prateria circondata da fitti lariceti. Tutt'oggi l'erba viene regolarmente tagliata e qua e là tra i prati si trovano delle graziose baite. L'atmosfera qui è estremamente curata e per questo è uno dei luoghi preferiti per passeggiare in tutte le stagioni.

Come abbiamo accennato sopra sono proprio i larici a donare le tonalità calde dell'autunno ai nostri boschi e attorno ai prati delle Regole di Malosco ce ne sono davvero tanti!

Ad arricchire il tutto poi ci sono i giardini curati delle baite, dove il sorbo con le sue bacche rosse incornicia il paesaggio e il Monte Luco dal profilo inconfondibile si alza all'orizzonte.

Le Regole di Malosco si raggiungono comodamente in auto e da qui poi partono molte passeggiate sia in piano che in quota: qui la mappa con le escursioni verso Ruffrè e i suoi laghetti, verso il monte Penegal e verso il Passo Mendola

Al rientro vi consigliamo di fermarvi in uno degli ottimi ristoranti per un pranzo o una cena da veri nonesi!


Il sentiero Tracciolo a Sporminore

Sporminore è un piccolo paese all'imbocco della Val di Non provenendo da Trento. Sopra il paese corre questo antico sentiero per lo più pianeggiante che si chiama Tracciolo.

Ha la particolarità di attraversare un enorme faggeto che in autunno si accende di tutte le sfumature del rosso.

Potete lasciare l'auto in paese e seguire le indicazioni che trovate in piazza. Arriverete al campo sportivo e poi proseguirete nel bosco fino ad una grande sorgente d'acqua che si chiama Busoni. Qui troverete anche una nuovissima passerella in legno che permette di passare oltre il torrente che si crea con la sorgente. 

Ora arriva il tratto più bello del sentiero: dalla sorgente salite gli scalini in legno e fate ritorno verso il paese. Il sentiero termina sbucando su una forestale che sale da sinistra: da qui non lo vedete ma siete vicinissimi alle rovine di Castel Sporo!

Per arrivarci basta scendere a sinistra lungo questa sterrata e poi girare a destra sulla forestale pianeggiante: in 5 minuti arriverete alla collina dove si trovano i resti di questo castello, il baluardo che anticamente controllava chi entrava nella nostra valle da sud.

Nopn tutti lo sanno ma potete entrare nella torre e salire la scala metallica che porta fino in cima ai ruderi: vedrete che panorama!

Qui trovate tutte le informazioni sul sentiero Tracciolo.


Il lago di Tret

Come detto sopra quando parlavamo del lago di Tovel, davanti ad un lago lo spettacolo del foliage si amplifica. Questo vale anche per il laghetto che si trova sopra il paese di Tret. Qui siamo più in quota rispetto a Tovel e per questo motivo l'autunno arriva prima che nel fondovalle. 

Il lago di Tret si trova a quota 1600 metri e quassù non troviamo latifoglie ma "solo" larici maestosi. Le grandi fronde di queste conifere cadono verso il basso e il loro colore sfuma dal giallo all'arancio. L'effetto del vento che le fa oscillare sopra l'acqua ti lascerà a bocca aperta

Il lago di Tret lo puoi raggiungere solo a piedi ma il sentiero è alla portata di tutti. Parcheggi l'auto nelle vicinanze dell'albergo Scoiattolo e poi prosegui a piedi per circa 40 minuti sul sentiero perfettamente segnalato.

Qui trovi la descrizione dell'escursione.


Il paese di Seio e gli alberi di frutta antica

Seio è una piccola frazione del paese di Sarnonico, nella parte alta della Val di Non. E' un paesino curato e tranquillo che custodisce antichi meli e peri oltre che maestosi noci e ciliegi

Camminando tra le vie del paese troverete case storiche, orti curati e giardini ricchi di alberi su cui maturano varietà antiche di frutta

Dopo aver fatto il giro del paese noi vi consigliamo di scendete verso le praterie sotto le case. Qui troverete degli alberi che hanno anche 200 anni di storia alle spalle: il loro portamento elegante e armonioso vi stupirà! 

Al paese di Seio ci arrivi comodamente in macchina. Ti devi recare nella parte alta della Val di Non dove si trova il paese di Sarnonico. Attraversi il suo centro storico, prosegui oltre la chiesa e vai in direzione del Dolomiti Golf Club.

Seio si trova sulla destra e puoi lasciare l'auto nei pressi della chiesetta.

Se vuoi fare una facile camminata in questa zona ti consigliamo il Lez di Dambel sotto il paese. Ricalca un antico canale irriguo e lo trovi scendendo lungo la stradina asfaltata che dalle utlime case arriva fino ad un grande prato con degli orti e un grande pero al centro.

  • PURE_NATURA
  • T_SETTEMBRE
  • T_OTTOBRE
  • T_NOVEMBRE
  • RATE_3
  • M_CAMMINARE
  • M_MONTAGNA_DOLCE
  • M_PASSEGGIATA
  • TA_ESPLORA

Richiedi informazioni

Per prenotare


-

Riceverai una mail con un link privato dove potrai:

  • confermare la tua volontà d’iscrizione
  • indicare le tue preferenze se previsto
  • esprimere il consenso ai diversi trattamenti

In futuro se vorrai potrai sempre modificare o cancellare il tuo profilo.



Azienda per il Turismo Val di Non
Via Roma, 21 - 38013 Borgo d'Anaunia TN

Se preferisci la mail diretta o parlare con qualcuno:
info@visitvaldinon.it - +39 0463 830133

Grazie!

Grazie per la tua iscrizione!

close

Iscriviti alla nostra newsletter


Riceverai una mail con un link privato dove potrai:

  • confermare la tua volontà d’iscrizione
  • indicare le tue preferenze se previsto
  • esprimere il consenso ai diversi trattamenti

In futuro se vorrai potrai sempre modificare o cancellare il tuo profilo.

Annulla
close

Credits

Sito Web ufficiale
Azienda per il Turismo Val di Non

Ringraziamo tutte le persone che hanno collaborato alla creazione di questo portale.

Concept, Design, Web

KUMBE DIGITAL TRIBU
www.kumbe.it | info@kumbe.it 

Destination Management System

Il portale integra il DMS Deskline 3.0 per le funzionalità di prenotazione alloggi ed esperienze.

feratel media technologies
www.feratel.it | info@feratel.it 

Foto e video

Per le immagini si ringraziano:

Francesca Padovan
Elisa Fedrizzi
Paolo Crocetta
Diego Marini
Elena Marini Silvestri
Gilberto Seppi
Giulia Stringari
IDM Südtirol
Tourismusverein Deutschnonsberg
Alex Filz
Hannes Niederkofler
Karlheinz Sollbauer
Georg Mair
Alessio Pellegrini
Andrea Pizzato
APT Trento, Bondone, Valle dei Laghi

Testi

Staff APT, KUMBE

Nascondi video