Logo Trentino

Fausto e Bruno, storia dell'amicizia tra uomo e orso a San Romedio

Fausto e Bruno, una storia unica. Fausto è l’uomo, indaffarato e severo, Bruno è l’orso, lento e bisognoso di cure. Un incontro di quelli belli che è passato dalla diffidenza alla fiducia e poi, inevitabilmente, all’amicizia. 
In Val di Non c’è una storia di amicizia vera ma molto particolare, quella tra Fausto e Bruno. No, ad essere uniti da un legame di rispetto e fiducia reciproci non sono due semplici abitanti della valle, bensì un orso e il suo custode! Sembra impossibile, quasi una storia di fantasia? Niente affatto! 
 
Le persone che hanno fatto visita al famoso Santuario di San Romedio di certo hanno conosciuto Bruno, l’orso che dal 2013 sta trascorrendo la sua vecchiaia nell’area faunistica presso il santuario. Nessuno però sa che c’è una persona che quotidianamente si prende cura di lui. Questa persona si chiama Fausto.
Fausto lavora come custode forestale in Val di Non da oltre 25 anni ed è conosciuto per essere un grande amante della natura e degli animali. Quando Bruno venne liberato dalla cattività e portato in salvo nell’ampio bosco recintato di San Romedio, Fausto fu da subito incaricato di prendersi cura di quell’ospite tanto particolare.
Tra i due è nato un rapporto di amicizia, anche se questo termine potrebbe sembrare esagerato. Fausto stesso racconta che, dopo l’iniziale diffidenza, Bruno col tempo si è affezionato e ha capito di potersi davvero fidareOggi Bruno riconosce Fausto già da lontano. Distingue il rumore della sua macchina e anche quello dei suoi passi e soprattutto percepisce il suo odore, prima ancora che Fausto lo raggiunga. Quando sente che Fausto sta per arrivare infatti Bruno si prepara ad attenderlo davanti al cancello del suo recinto. 
Fausto dal canto suo ha imparato a riconoscere gli stati d’animo di Bruno. Sa che nei mesi di maggio e giugno è più scontroso per via della stagione degli amori. Capisce quando Bruno è sotto stress e sa quanto gli diano fastidio gli schiamazzi delle persone. Quando Bruno si mette a camminare in cerchio senza pausa come se a disposizione avesse solo uno spazio piccolissimo Fausto sa che c’è qualcosa che lo turba. E’ come se i ricordi della vita passata lo assalissero e con la mente tornasse nella gabbia angusta di soli 3 metri per 4 della sua triste vita precedente. 
 
Fausto fa visita a Bruno ogni mattina prima di andare al lavoro nei boschi della Val di Non. Verifica le sue condizioni di salute, sbriga le pulizie nella sua tana e, soprattutto, si preoccupa della sua dieta che è controllata e bilanciata. Si tratta di un’alimentazione molto varia, ricca di frutta e verdura, ma anche gustosi salsicciotti di carne due o tre volte alla settimana e molte mele fornite gratuitamente dal consorzio frutticolo locale. Ogni mese poi, per qualche giorno, la sua dieta diventa a base di il pesce, soprattutto teste di salmone regalate da una pescheria del posto. 
Il ruolo di Fausto non si limita semplicemente a portare quotidianamente cibo fresco a Bruno. L'orso è un animale estremamente diffidente e poco propenso a cimentarsi in situazioni nuove. Appena arrivato nel bosco recintato di San Romedio Bruno non era nemmeno in grado di affrontare una discesa, non ne aveva mai vista una. E così Fausto, con astuzia e pazienza, ha spronato Bruno ad andare oltre i suoi limiti dovuti al suo passato rilegato in gabbia. Una carota inzuppata di miele fu lo stratagemma che spinse Bruno a muovere i primi passi in pendenza!
Tutt'oggi, per assicurarsi che Bruno faccia abbastanza movimento, Fausto sparpaglia cibo in ogni angolo dell'ettaro di bosco che è la casa di Bruno. Invece, per spronarlo a sgranchirsi e ad alzarsi in piedi nasconde i suoi bocconi preferiti in delle nicchie poste in alto su di un muro.
 
Fausto non è solo un custode per Bruno, lui non si sente tale, gli piace pensare che Bruno senta tutto il suo impegno sincero, che il suo aspettarlo al cancello e il muoversi piano quando sono insieme siano il suo modo per dimostrargli amicizia, per accoglierlo gioioso ogni mattina, come si fa con un amico fidato!

  • BEST_OF_HOME
  • T_GENNAIO
  • T_FEBBRAIO
  • T_MARZO
  • T_APRILE
  • T_MAGGIO
  • T_GIUGNO
  • T_LUGLIO
  • T_AGOSTO
  • T_SETTEMBRE
  • T_OTTOBRE
  • T_NOVEMBRE
  • T_DICEMBRE
  • RATE_2
  • M_CULTURA_TRADIZIONE
  • M_ANIMALI

Richiedi informazioni

Per prenotare


-

Riceverai una mail con un link privato dove potrai:

  • confermare la tua volontà d’iscrizione
  • indicare le tue preferenze se previsto
  • esprimere il consenso ai diversi trattamenti

In futuro se vorrai potrai sempre modificare o cancellare il tuo profilo.



Azienda per il Turismo Val di Non
Via Roma, 21 - 38013 Borgo d'Anaunia TN

Se preferisci la mail diretta o parlare con qualcuno:
info@visitvaldinon.it - +39 0463 830133

Grazie!

Grazie per la tua iscrizione!

close

Iscriviti alla nostra newsletter


Riceverai una mail con un link privato dove potrai:

  • confermare la tua volontà d’iscrizione
  • indicare le tue preferenze se previsto
  • esprimere il consenso ai diversi trattamenti

In futuro se vorrai potrai sempre modificare o cancellare il tuo profilo.

Annulla
close

Credits

Sito Web ufficiale
Azienda per il Turismo Val di Non

Ringraziamo tutte le persone che hanno collaborato alla creazione di questo portale.

Concept, Design, Web

KUMBE DIGITAL TRIBU
www.kumbe.it | info@kumbe.it 

Destination Management System

Il portale integra il DMS Deskline 3.0 per le funzionalità di prenotazione alloggi ed esperienze.

feratel media technologies
www.feratel.it | info@feratel.it 

Foto e video

Per le immagini si ringraziano:

Francesca Padovan
Elisa Fedrizzi
Paolo Crocetta
Diego Marini
Elena Marini Silvestri
Gilberto Seppi
Giulia Stringari
IDM Südtirol
Tourismusverein Deutschnonsberg
Alex Filz
Hannes Niederkofler
Karlheinz Sollbauer
Georg Mair
Alessio Pellegrini
Andrea Pizzato
APT Trento, Bondone, Valle dei Laghi

Testi

Staff APT, KUMBE

Nascondi video